CRISI. VARATE LE MISURE A SOSTEGNO DI IMPRESE E FAMIGLIE

Ecco una mappa delle misure a sostegno del credito per aziende e famiglie avviate durante la crisi. L’elenco ripercorre le principali iniziative, secondo il quadro riportato nello studio della Banca d’Italia ‘L’accesso al credito in tempo di crisi’. Di seguito gli interventi a favore delle imprese:

– AVVISO COMUNE: sospensione del pagamento della quota capitale delle rate o dei canoni relativi ad operazioni di mutuo (per 12 mesi) o di leasing; l’allungamento a 270 giorni delle scadenze del credito a breve termine. Lo strumento è rivolto alle Piccole e medie imprese. Fino a settembre 2011, secondo i dati Abi, le operazioni realizzate sono state oltre 225.000 per un valore complessivo di debiti residui di 65,2 miliardi, per circa tre quarti rappresentati da mutui.

– PLAFOND PMI DELLA CASSA DEPOSITI E PRESTITI: utilizza la provvista derivante dal risparmio postale per erogare alle banche finanziamenti finalizzati alla concessione di prestiti a medio e lungo termine. Gli 8 miliardi messi a disposizione dalla Cdp sono stati interamente stipulati dalle banche. Fino a metà settembre 2011 sono stati erogati al sistema bancario 5,9 miliardi.

– FONDO CENTRALE DI GARANZIA: rappresenta una misura strutturale potenziata durante la crisi, riguarda la concessione di una garanzia pubblica a fronte di operazioni finanziarie finalizzate all’attività di impresa. Dall’avvio dell’operatività, all’inizio dello scorso decennio, fino a settembre 2011, il Fondo ha effettuato circa 174.000 operazioni attivando quasi 32 miliardi di nuovi finanziamenti per un importo garantito complessivo di 17 miliardi.
Tra gli altri interventi a favore delle imprese ci sono anche: TREMONTI BOND, INTERVENTO BEI ed EXPORT BANCA). Invece, per le famiglie sono queste le iniziative avviate:

– PIANO PER LE FAMIGLIE: sospensione del pagamento delle rate del mutuo per almeno 12 mesi per famiglie in difficoltà. In base ai dati forniti dall’Abi, relativi al 30 settembre, il numero di mutui sospesi è pari a 52.126 e il valore del debito residuo ammonta a 6,5 miliardi; complessivamente la maggiore liquidità di cui le famiglie hanno usufruito grazie al provvedimento è stata pari a 385 milioni, con l’ammontare dei mutui oggetto di sospensione pari all’1,5% di quelli in essere.

– FONDO SOLIDARIETÀ MUTUI PRIMA CASA: i fondi stanziati per il 2011, 20 milioni, sono stati completamente utilizzati in circa sei mesi; ne hanno tratto beneficio circa 5.000 mutuatari. Il decreto ‘Salva Italia’ ha rinnovato il provvedimento per i due anni successivi, con una dotazione di 10 milioni per anno.

– FONDO PER I PRESTITI ALLE FAMIGLIE CON NUOVI NATI: è uno strumento operativo dal 2010 tramite il quale al 18 novembre 2011 erano stati concessi finanziamenti a circa 21 mila famiglie per un totale di 116 milioni di euro.
Tra gli altri strumenti in aiuto alle famiglie anche il FONDO PER L’ACCESSO AL MUTUO PRIMA CASA DELLE GIOVANI COPPIE e il FONDO DI GARANZIA PER GLI STUDENTI

Annunci

2 thoughts on “CRISI. VARATE LE MISURE A SOSTEGNO DI IMPRESE E FAMIGLIE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...